Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Malavida 'Malavida'

(Skantinato Rec. 2001)

Le Marche si confermano ancora una volta come la più autentica CLASHLANDIA italiana. Da Filottrano, cittadina della provincia di Ancona che ha già dato i natali ai fondamentali The gang, ecco una nuova band che si ispira alle stesse coordinate sonore e allo stesso cut-up di stili codificato da una delle più importanti bands dell’intera storia del rock: The Clash. I Malavida si definiscono una “punk ska combat rock “ band e la definizione mi pare azzeccatissima in quanto non sono a mio parere semplicemente la solita ska-punk band “modaiola” tanto in voga oggigiorno ma sanno elaborare un sound molto più complesso e vitale nel quale confluiscono molteplici pulsioni provenienti da tutta la tradizione “bianca” e “nera” della “nostra “ rock’n’roll music. Il suono della band affonda indiscutibilmente le sue radici nel più puro punk-reggae ’77 di marca Clash, Ruts (la voce di Ale mi ricorda spesso quella del grande Malcolm Owen dei Ruts) e Members, ma il tutto viene filtrato e riattualizzato attraverso una “sensibilità” più spiccatamente odierna. Ecco allora che accanto al punk rock più incendiario di episodi come Shit And Power, Today e Real Life (veramente tre grandi tracks, puro “kick in the ass” punk sound), emergono , nel corso del disco, influssi reggae, ska, rock-steady e numerose citazioni da Mano Negra , Mighty Mighty Bsosstones e, soprattutto, dal combat rock dei Gang (i fratelli Severini hanno collaborato attivamente alla realizzazione del CD). Esemplare, a testimonianza dell’ampio multiculturalismo sonoro che sta alla base del progetto Malavida, mi sembra la track Revolt , dove emergono chiare citazioni folk irlandesi che ricordano molto da vicino il sound di una grande ma purtroppo ora quasi dimenticata folk-punk band irlandese degli anni ’80: The Men They Couldn't Hang. Nel complesso a mio avviso un disco davvero riuscito e che immagino sarà molto apprezzato da chi ancora sa commuoversi (come faccio io, lo confesso!) quando passa sul piatto ‘Sandinista’. Da segnalare anche i brani Mis Amigos, She e Rage, dove emerge il buon songwriting della band.

Aggiunto: December 20th 2003
Recensore: Michele Ballerini
Voto:
Link Correlati: info@skantinato.it
Hits: 1057
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest