Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bronze 'The Statue in the Stone'

(Bus Stop 2002)

Questo debutto del terzetto di Newcastle-Upon-Tyne purtroppo soffre (come gran parte dei dischi di guitar pop che circolano ultimamente) di una malattia chiamata ‘pura autoreferenzialità’ o, quantomeno, di una mancanza di appetibilità nei confronti di un’audience che non sia già di per sé assuefatta tanto ai suoni quanto a un’estetica e un immaginario brit già consolidati.
E’ un aspetto che non può che suscitare rammarico in chi ascolta proprio per il fatto che nel disco vi siano in definitiva ottime canzoni: la dolcezza velatamente elegiaca di Heart of Sun è sapientemente costruita, il tenue disequilibrio tra passato e presente di That’s Not Me con ricami chitarristici degni dei Felt e melodie vocali alla Starsailor dona piacevolissime oscillazioni emotive, la sottile vena psichewave di Echo & The Bunnymen-iana memoria di brani come Pilot to Your Plane o della Let It Rain in apertura risulta del tutto convincente. Non così per altri brani come lo scontato pop punk della title track o per il tessuto simil-Smiths di Motel of Love che rivela nel refrain i suoi tratti più dozzinali. Eppure c’è una sorta di onestà espressiva e compositiva che percorre l’intero lavoro impedendo la facile liquidazione di Paul Handyside e soci come epigoni interessati a vivere della rendita di un glorioso passato albionico in territori pop. Se solo fossero riusciti a incanalarla verso una fisionomia meno riconoscibile…
Insomma: non hanno né la profondità dei Gene, né la freschezza dei Supergrass o la raffinatezza dei Bluetones pur richiamandoli e, negli episodi più riusciti, riassumendoli tutti. E nonostante tutto sanno confezionare qua e là perfette guitar songs (con lyrics gradevolmente sobrie e mai banali – tratto non trascurabile coi tempi che corrono).
Che altro dire? La copertina è semplicemente splendida. Peccato che rimandi a momenti di stordente intimità che nel disco non figurano affatto. Se vi accontentate di far fluttuare la vostra immaginazione ammirandola…

Aggiunto: November 18th 2003
Recensore: Mauro Carassai
Voto:
Link Correlati: Bus Stop Page
Hits: 1321
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest