Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Anathema 'A Natural Disaster'

(Music For Nations 2003)

Mi domando chi fra Paradise Lost e Anathema abbia per primo avuta l'idea di passare da death metal a goth metal fino a rock alternativo. Mentre i primi hanno abbandonato la strada per ritornare all'hard rock, i secondi restano ancora convinti sulla scia alla Radiohead incontrano Katatonia con questo "A Natural Disaster".
E si sentono subito i trascorsi metal della band nella gran cura degli arrangiamenti e nella voce sobria e chiara: caratteristiche che rendono l'album piacevole fin dal primo ascolto. Come però i Paradise Lost, gli Anathema non sono grandi esperti di rock alternativo e quindi poco avvezzi alle sonorità e ai 'compromessi' che questo stile comporta.
In certe pezzi si nota una prolissità che fa venire voglia di premere il fast forward, e l'eccessiva tranquillità dell'album in questo caso non è proprio un pregio. Infatti la band riesce ad esprimersi al meglio proprio quando ci sono le chitarre distorte e un po' più di movimento generale; momenti che per fortuna non sono pochi. Invece quando si perdono nelle cavalcate con voce sintetizzata (Closer) proprio fanno venire il latte alle parti basse, e soprattutto denotano un certo 'sforzo' di fare gli alternativi che potrebbe dar fastidio.
Ne hanno ancora di pratica da fare per suonare credibili nella loro veste alt rock, al momento dilaga ancora troppa imprecisione per tirare fuori canzoni davvero memorabili. Comunque sia la potenzialità è innegabile, quindi "A Natural Disaster" resta un album molto affascinante e perfetto per le giornate di pioggia.

Aggiunto: October 29th 2003
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage MFN
Hits: 952
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest