Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lazy Bums 'Lazy Bums'

(Videoradio 2002)

Appena si comincia l’ascolto ti viene da pensare che qualcuno finalmente ha preso spunto e imparato qualcosa dagli Audioslave. L’illusione dura appena una decina di secondi. Poi ci si accorge che c’è qualcosa che stona particolarmente. Per antonomasia, ciò che di solito stona è la voce; l’antonomasia qui non sbaglia. Quando attacca la voce, pensi che magari hanno sbagliato traccia, che la voce non andava lì ma in qualche altra canzone. Ad esempio, nella seconda traccia, I Dont Care, la domanda che nasce spontanea è “ma che razza di musica è? Sarà mica garage, o una sorta di heavy metal melodico stile Europe incattiviti? Ma la domanda muore così come è nata, insoddisfatta e confusa dal solito odioso effetto di dissonanza tra la musica, o chi per lei, e la voce, o chi per lei. Sopraggiunge senza colpo ferire la terza canzone, Happiness, e ti volti pensando che qualcuno dietro di te abbia parlato. Chi ha parlato per un attimo è la tua testa, che ti chiede se tutto questo non ti sappia di già visto o sentito… Forse inconsciamente, ma qui si riporta alla memoria musicale qualche piccolo accordo e qualche sferzata energetica dei Ramones, o se si vuole dei Backyard Babies, che dei primi sono i figli. Ma tutto quello che viene fuori è una cattiva e brutta colonna sonora di un American Pie qualunque. La voce come al solito è poco incisiva, e credo proprio sia questo il motivo dell’uso pressoché costante dei filtri che camuffano la voce come se il cantante stesse in apnea. Nella quarta traccia, Shades, l’incipit è melodico, e questo perlomeno stuzzica la curiosità di quelli come me che a tredici anni mangiavano pane e Bon Jovi…Anche qui la delusione è imminente. Sembra quasi che la voce non sappia bene quale strada percorrere, e provi il percorso zigzagando. In poche parole, questo disco non sembra neanche un lavoro compiuto, sembra a dire il vero una prova continua di arrangiamenti e vocalizzi mal riusciti. Tanto per intenderci, neanche in gruppi heavy-teenageariali degli anni Ottanta si riuscivano a trovare cantanti così inverosimilmente insicuri nel canticchiare. Di originalità se ne riscontra ben poca; ma nonostante questo, tolto l’effetto disturbante della voce, gli assoli e i vari lavoretti strumentali non sono poi così male. Niente di originale, ma niente di così inascoltabile dopotutto. La settima e ottava traccia, Fool Or Mad e To You, For You, rappresentano la summa di tutti i difetti che si trovano in questo disco: la scelta della voce si rivela per l’ennesima volta sfortunata, si accennano addirittura a dei virtuosismi un po’ troppo esuberanti per una voce come questa. Troppa incertezza nell’affrontare la melodia, tanto che gruppi come i Nickelback sembrano a confronto poter accedere all’Olimpo del Rock. Per non parlare poi della cosa che personalmente ritengo fondamentale: la trasmissione di emozioni, la potenza che deve avere la musica, di qualsiasi genere di proiettarti in atmosfere e dimensioni profonde e sconosciute. I LAZY BUMS toccano le profondità come la polvere ricopre gli oggetti. Usando una metafora, trasmettono le emozioni di una mosca in calore

Aggiunto: October 26th 2003
Recensore: Susan Delgado
Voto:
Link Correlati: Lazy Bums
Hits: 1109
Lingua:

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest