Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Diana Darby 'Fantasia Ball'

(Love Boat Records and Buttons)

Artigianato allo stato puro. La songwriter texana, al secondo lavoro, registra il nuovo “Fantasia Ball” con solo chitarra, voce e pochi altri strumenti in un quattro tracce a cassetta. Questa semplicità rispecchia perfettamente la struttura dei brani e probabilmente gli intenti dell’artista.
L’atmosfera è rilassata, la voce di Diana spesso sussurra liriche ermetiche ma di grande impatto; pochi accordi al servizio di delicate melodie che fanno della loro scarnezza il punto di forza, mantenendo i brani nella veste in cui sono stati concepiti, senza inutili produzioni o arrangiamenti sofisticati. Questo per qualcuno potrebbe essere un difetto, considerando il lavoro troppo piatto e ripetitivo, ma sicuramente una produzione diversa né avrebbe intaccato la magica atmosfera, che si incunea lentamente nell’ascoltatore, brano dopo brano, ascolto dopo ascolto.
I brani come detto sono semplici, ma “Fantasia Ball” non è un disco “facile”; pretende di essere “realmente” ascoltato, seguito, dalle melodie alle liriche, dalle chitarre agli strumenti di “contorno”, senza trascurare nulla.
Dall’iniziale eterea Fly Away, poche note di chitarra e la voce sospirata a creare una melodia “sospesa” nell’aria, quasi intangibile, alla bellissima Summer, che ricorda le cose più rilassate dei Yo La Tengo, sia per la melodia che per i cori nello sfondo. In My Own compare un basso distorto ed una sgangherata batteria suonata dalla stessa Diana, per il brano più “aggressivo” di “Fantasia Ball”; tutti i brani potrebbero essere citati in un lavoro omogeneo e compatto, quanto malinconico e delicato, perfetto per l’autunno corrente e l’inverno prossimo.

Aggiunto: October 9th 2003
Recensore: Mauro Pettinari
Voto:
Link Correlati: Diana home page
Hits: 1245
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest