Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mantraturbato 'Gli spiriti del dopocena'

(Le Officine della Cultura/Materiali Sonori 2003)

Il notevole progetto aretino Mantraturbato - oggi sostenuto dalla fantasia e dall’impegno del chitarrista, programmatore elettronico, autore delle musiche e di quasi tutti i testi Guglielmo Ridolfo Gagliano, del batterista e percussionista Adriano Checcacci, del bassista e pianista Luca Baldini, del trombettista e tastierista Matteo Badii, del cantante Francesco Prosperi; le origini della formazione risalgono al giugno 1994, sotto il nome Mantra - tenta di descrivere il proprio suono usando la definizione di “musica preterintenzionale”(il loro cd-demo del 2001 si intitolava “Gamma, preterintenzionale”; l’aggettivo è forse da intendersi nella etimologia derivata dalla lingua latina, praeter intentionem, “fuori dell’intenzione”): ovvero equilibrare, sul filo del rasoio, strumentazione acustica ed elettronica in un’attitudine che potrei descrivere rozzamente come psichedelica. Tuttavia, come tutte le definizioni e le descrizioni (anche quelle tentate dagli stessi autori del manufatto artistico), può rendere solo parzialmente l’idea di come si esprima – bene – “Gli spiriti del dopocena”, un CD che riunisce in sé, con grazia e buongusto, un intenso cantato in italiano (appoggiato da testi di insolita qualità; da menzionare Ricordi di un pomeriggio di fine agosto, I topi ci guardano e Ogni notte, in ogni lato, ma anche il resto è di valore) con musiche inafferrabili ed indefinibili. In qualche caso (come nello strumentale Ricordi?, nel recitativo Beato - “declamato” da Gianni Micheli su testo di Valentino Salvoldi – e nella finale Dal freddo) la forma canzone si sfarina in una sottile alterità.
Nella presentazione che accompagna “Gli spiriti del dopocena” si afferma che le maggiori influenze musicali dei Mantraturbato “derivino da gruppi d’oltremanica e d’oltreoceano”: vorrebbe essere un complimento, ma per chi scrive in questo modo si potrebbe sminuire un gruppo che crea traendo linfa da sé stesso e che non assomiglia a quasi niente altro in circolazione.

Aggiunto: July 20th 2003
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Sito del gruppo
Hits: 3154
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest