Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Deadburger 'S.t.0.r.1.e.'

(Wot 4/Audioglobe/Shellshock 2003)

I fiorentini Deadburger - ambizioso progetto, non solo musicale, in opera dal 1995 per l’impulso di Vittorio Nistri (curatore della parte elettronica) ed Alessandro Casini (chitarrista e computergrafico), che si sono di volta in volta circondati di vari collaboratori – tornano in azione, dopo un paio di anni di “riflessione”, con “s.t.0.r.1.e.”, CD che nelle intenzioni del gruppo vuole configurarsi come un vero e proprio nuovo inizio. Il gruppo toscano può essere considerato erede legittimo dell’onda fiorentina degli anni Ottanta – in Santo Elettrone e Suture suona il basso Leandro Braccini, già nei Diaframma di “3 volte lacrime”, anno di grazia 1986 – specialmente nel suo versante più elettronico ed oscuro (Pankow, Neon): ma è più una questione di attitudini ed affinità elettive che un discorso di filiazione diretta. Infatti, nei Deadburger voci tenebrose (il cantante è Simone Tilli, particolarmente convincente in 110 giorni), argomenti “inattuali” e “non per tutti” (le lobotomizzazioni del dottor Walter Freeman, alienazioni, radiazioni, topi vivisezionati, esperienze del “dopo-morte”, il corpo imbalsamato di Lenin, il turbocapitalismo…) e uso massiccio di loop, filtraggi, samples, disturbi elettrici si fondono con elementi alieni per queste latitudini musicali. Innanzitutto, a Vittorio Nistri piacciono non solo le tecnologie di ultima e penultima generazione, ma anche strumenti di “epoche anteriori”: il piano elettrico e l’Hammond utilizzati in Electroplasmi, il minimoog in Ricambi e Listino prezzi (in questa ultima trovano spazio anche il mellotron e il Wurlitzer!), il piano in Luce. Poi al gruppo fiorentino interessa anche il jazz: così in Electroplasmi trovano spazio il contrabbasso di Nicola Vernuccio e la batteria di Stefano Rapicavoli, in Topi e in Quei bravi ragazzi la tromba di Roy Paci. Infine, non mancano anche gli archi (in Suture e Ricambi), “forniti” da Andrea e Gionata Costa dei Quintorigo.
L’elenco dei musicisti e degli ospiti potrebbe continuare, ma potrebbe dare l’idea di un bulimico affastellarsi di diverse esperienze; è invece importante sottolineare la personalità e la particolarità di “s.t.0.r.1.e.”, una realizzazione che potrà fare storcere la bocca a qualcuno, ma che rivendica l’attenzione di chi non si accontenta più di semplici e rassicuranti (anche se qualche volta piacevoli) revival.

Aggiunto: July 6th 2003
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Sito della Wot 4
Hits: 1432
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest