Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


The Men ‘Mercy’

(Sacred bones/Goodfellas 2020)

Partiti con il post-hardcore, The Men hanno fatto un percorso evolutivo a ritroso in dodici anni fino a giungere a questo ottavo album in cui il grupo di Brooklyn ha realizzato compendio del miglior folk e dintorni Usa delle ultime cinque decadi.
Il bravo più lungo, dieci minuti e mezzo, Wading in dirty water, è una lunga ballata dorsiana con l’organo che trascina il brano tra colline e radure, dove si incontrano The Band, Neil Young e Tom Petty & Heartbreakers. Con Cold water i newyorkesi scrivono la perfect country-pop song, dimostrando di non avere nulla da invidiare ai Wilco e se con Children all over the world fanno l’unico passo falso, a causa di tastiere melense e che puzzano di pop anni ‘80, si riprendono alla grande con l’uno-due della doppia cavalcata Call the Dr.- Breeze. Struggente, invece, la malinconia che trasuda dalla title-track, posta in chiusura.
Nel complesso un lavoro molto variegato.

Aggiunto: March 20th 2020
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: The Men Blogspot Page
Hits: 68
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest