Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


David Dzubay ‘all water has a perfect memory’

(Innova 2019)

Un’ampia panoramica della produzione cameristica e orchestrale più recente del compositore americano David Dzubay (nato nel 1964 a Minneapolis) è quella che ci offre questo interessante doppio Cd della Innova Recordings. Si va da brani per strumento solo e quartetti (di sax e di archi), per passare a complessi più ampi fino ad arrivare all’orchestra e al concerto. Il fil rouge - se ve n’è uno – di lavori necessariamente diversi fra loro, consiste nella inesausta vitalità e mobilità ritmica, che percorre – in prima fila o sottotraccia – ciascuna composizione, attraversata da una energia che contagia da subito l’ascoltatore. Altra caratteristica comune è l’ispirazione extra-musicale della maggior parte dei brani qui eseguiti: dalle suggestioni astronomiche del quartetto per archi Astral a riferimenti a storia, poesia, fatti di cronaca anche recenti (Lament è ad esempio dedicato all’attentato alla sede di Charlie Hebdo del gennaio 2015), e persino allo sci alpino. Una varietà di temi e fonti che trova riscontro in un linguaggio poliedrico, che fa ampio uso di dissonanze e cromatismi, ma sempre facendo emergere un filo logico, una direzionalità, nonché dei picchi di pathos drammatico all’interno di ciascuna opera. Gli esiti migliori si hanno, a mio avviso, quando a questi elementi si uniscono stilemi del linguaggio tonale, il che accade ad esempio nel bellissimo concerto per tromba, violino ed ensemble da camera, dove si percepiscono influssi provenienti tanto dalla produzione orchestrale di John Adams quanto dalle micro-polifonie di Ligeti. Notevole anche l’orchestrazione, che si avvale di fantasiose e ricche soluzioni timbriche, mai puramente effettistiche.

Aggiunto: March 15th 2020
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Innova Records Home Page
Hits: 95
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest