Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Heitor Villa-Lobos ‘Lua Nova’

(Da Vinci Classics 2019)

Ci sono alcuni compositori le cui opere possiedono una universalità di linguaggio tale che si prestano a molteplici e diverse rivisitazioni, le quali aggiungono nuove sfumature espressive al già ricco contenuto originale delle stesse. Uno di questi autori è J.S. Bach. Un altro è il brasiliano Heitor Villa-Lobos, che non a caso prese spunto dal magistero contrappuntistico bachiano per elevare a musica d’arte i materiali folcloristici della sua terra natia nelle celeberrime Bachianas Brasileiras. In questo Cd edito dalla Da Vinci Classics, a essere rilette sono per lo più composizioni originariamente scritte per chitarra sola, che si svelano qui in una veste del tutto nuova, venendo ripensate per il duo - tanto insolito quanto affascinante - costituito dalla chitarra di Rossella Perrone e dagli strumenti a fiato di Giancarlo Eliodoro Parisi, nella fattispecie saxello, zampogna e zi flute; strumenti di raro utilizzo in chiave “colta” (e non solo: il saxello è stato recuperato dopo essere caduto nel dimenticatoio, mentre lo zi flute è stato ideato e realizzato dallo stesso Parisi) che esaltano la veste popolare dei temi elaborati dal maestro brasiliano. Ma c’è di più; oltre a donare nuovi colori attraverso inediti impasti timbrici e a sottolineare la natura intrinsecamente dialogica dei brani originali – talvolta anche attraverso sovra-incisioni dei fiati - il duo innesta, all’interno delle loro riletture (ma sarebbe meglio definirle ri-creazioni), parentesi improvvisative che amplificano considerevolmente la portata espressiva - ora malinconica ora più esuberante – delle cantabili linee melodiche e dei vivaci fraseggi ritmici presenti nelle partiture originali. Attraverso queste bellissime dodici tracce, il duo vuole anche sensibilizzare gli ascoltatori sui rischi ambientali legati alla deforestazione della Foresta Amazzonica, che oltre a essere stata fonte di ispirazione musicale per Villa-Lobos come per altri musicisti, è – come sappiamo bene – il “polmone del pianeta”: una ragione in più per accostarsi, tanto con le orecchie quanto con il cuore e il cervello, a queste meravigliose pagine, magistralmente interpretate dal duo Parisi-Perrone.

Aggiunto: January 26th 2020
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Da Vinci Classics Home Page
Hits: 328
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest