Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


The Spell of Ducks ‘Soup’

(Autoproduzione 2019)

Sestetto torinese di osservanza folk moderna ‒ prove ne sono i toni e la strumentazione usate dal cantante Ivan Lionetti, dal chitarrista e corista Andrea Del Col, dal banjoista, tastierista e corista Guido Greco, dal batterista Alessandro Negri, dal bassista Gianluca Gallucci, dal violinista e violista Alberto Occelli ‒ i The Spell of Ducks sono, lungo tutti i sei brani di questo EP “Soup”, proprio come l’ascoltatore se li aspetta: enfatici e (molto) moderatamente “debosciati”, avvinazzati moderati e che non disturbano nessuno (So High), accorati James Blunt che vorrebbero essere però Damien Rice (The Hunter), bravi padri di famiglia sabaudi in fondo (Dear Leo).
Neanche e mai malvagi, a dire la verità (Silent Mind, senz’altro più Rice che Blunt); la registrazione in presa diretta (a parte gli archi) aiuta, ma l’insieme risulta un poco calligrafico.

Aggiunto: September 28th 2019
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: The Spell of Ducks Facebook Page
Hits: 48
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest