Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Hanam Quintet ‘Live at Nikodemus Church’

(Aut Records 2019)

Ho ascoltato e riascoltato questo nuovo album della Aut Records che continua la sua esplorazione delle vie della Echtzeitmusik. I cinque musicisti coinvolti sono Alison Blunt al violino, Manuel Mite al sax soprano, Anna Kaluza al sax contralto, Niko Meinhold al piano, Horst Nonnenmacher al contrabbasso. Ci offrono 60 minuti di riuscita improvvisazione musicale. Il primo brano Dreamhouse disegna le atmosfere che ci accompagneranno per tutto l’ascolto: momenti di sospesa attesa e di timidi inviti al dialogo si alternano a prese di posizione insistite (assai pregnanti, in tal senso, le ripetizioni ostinate del piano). L’acustica della chiesa di Neukölln contribuisce ai riverberi che i cinque musicisti sanno generare. Se alcune improvvisazioni si richiamano più alla “Neue Musik” che al Free jazz (5 Miniaturen ne è un esempio), altri brani ricordano le sonorità di Giacinto Scelsi (le dinamiche all’unisono di 5 Q vanno sicuramente in questa direzione). Via via che il disco procede i suoni si fanno più astratti (senza escludere un forte elemento di fisicità corporea), rumoristici e spesso rarefatti, evocando anche una sorta di jazz destrutturato o idee compositive che ricordano la musica da camera. Finché a un certo punto irrompe la declamazione vocale a produrre una dimensione teatrale che non stona con l’idea, affermata nei titoli di due brani Free transition 1 & 2 , di una transizione libera tra i suoni, e probabilmente oltre di essi.

Aggiunto: September 28th 2019
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Aut Records Home Page
Hits: 197
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest