Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Brotherhood ‘Oak'

(Aut Records 2019)

Un rituale ancestrale. Una meditazione a due nella natura mistica delle cose. Il contrabbasso di Michele Bondesan e i sax soprano e tenore del fratello Tobia Bondesan dialogano melodicamente cercando una relazione primitiva e universale con suoni e silenzi. Propongono atmosfere di sospesa incertezza (il dubbio dei brani con cui l’album inizia e termina: If in Doubt Askg e If in Doubt Search), ancestrale rispetto, attesa e scoperta (scoperta dell’attesa e attesa della scoperta). Le otto tracce sono indice di una profonda dedizione per la musica e soprattutto per quella improvvisata, com’è nella tradizione dell’etichetta che le ospita. Invitano a un ascolto rilassato, aperto alla contingenza di ciò che accade. Alcuni momenti richiamano le dimensioni sonore del free jazz, altri aprono in direzioni più indeterminate e avanguardistiche. Alcune parti sono di matrice minimalista: gli esili soffi e le lunghe note gravi/acute del sax, capace di sdoppiare (sensatamente) il suono di uno strumento solitamente monofonico, così come i pizzicati appena accennati e gli effetti sonori prodotti dal contrabbasso e il suono liquido (gorgogliante) di alcuni momenti sembrano volerci fare percepire il silenzio che circonda e da cui origina la musica. Il brano che mi ha colpito di più è Damballah Weddo, ma mi ha colpito perché dopo la ricerca meditativa il sax formula una proposta melodica che non può non ricordare Volare di Modugno (che però probabilmente non c’entra nulla con questa musica: ma chi lo sa). Nel contesto generale anche Extemporary Song si fa notare: è appunto una canzone estemporanea, una melodia da ballad jazz che ci regala un inaspettato momento lirico.

Aggiunto: September 28th 2019
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Aut Records Home Page
Hits: 217
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest