Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Le Frequenze di Tesla ‘Il robot che sembrava me’

(Autoproduzione 2019)

Trio di base bolognese (la geografia non tradisce, l’aroma Cesare Cremonini si sente: Charles Watson, E non resta più niente), ma con la testa musicale nell’Albione brittpoppara degli anni Novanta (Il robot che sembrava me), Le Frequenze di Tesla risultano, all’inizio e alla fine, tanto tanto beat (anzi, meglio, “bit”: Come allo specchio).
In effetti, i chitarristi, bassisti e tastieristi Enrico Fileccia/Matteo Cincopan e il batterista Vinicio Zanon Santon assomigliano a dei Giganti (cantano tutti: La copia di lei) cresciuti nell’epoca dei Kula Shaker (Borderline) o ‒ ancor di più ‒ di Daniele Groff (Giochi di ruolo, Le migliori evidenze).
Nostalgici del Muro delle Meraviglie, fatevi avanti.

Aggiunto: September 1st 2019
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Le Frequenze di Tesla Facebook Page
Hits: 176
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest