Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Henrik Munkeby Nørstebø / Daniel Lercher / Julie Rokseth 'Off The Coast'

(Sofa 2019)

Il trombonista norvegese Henrik Mukeby Nørstebø e il musicista/compositore austriaco Daniel Lercher, s'incontrano in Cecoslovacchia nel 2010 nell'ambito di un'orchestra impro/austro/ceco/scandinava che li vedeva in formazione.
Di li a poco, i due cominciano a elaborare un fascinoso e austero suono d'insieme, che sviluppa e muove per l'elemento sottrazione.
Nørstebø, amplia e affina il suo bagaglio di sibili, frequenze basse e utilizzo integrale del corpo strumento tramite amplificazione e regolazioni fisiche, mentre Lercher, di programmazione software in real time, si modula, elabora e affianca, le emissioni sonore di Nørstebø (che rimangon pressoché inalterate).
Il bilanciato mix acustico/digitale genera una prima uscita come duo nel 2014.
Poi, nel 2017, la possibilità di una residenza di una settimana sull'isola di Sula, poco fuori Trondheim, li porta ad invitare Julie Rokseth con la sua wind harp a unirsi a loro.
Circondata dal mare, sull'isola vi è una comunità di poche decine di persone, la visione dell'oceano influenza e modula ogni pensiero, plasma le forme e la roccia, impossibile non sia cosi.
I nostri, raccolgono field recordings, registrano lo strumento a vento della Rokseth (un'arpa a diciannove corde che esposta nella giusta angolazione e con la dovuta quantità di vento, risuona del proprio spettrale canto) e ci aggiungono del minimale loro.
Sul finire delle registrazioni, un'ottantenne del luogo, che in paese dicevano possedere una bella voce e spesso si fermava dalle loro parti per vedere cosa combinassero, li omaggia intonando un canto.
Quello che non dura, si stacca e cade, quello che non serve, cade e li rimane.
Vento, terra e mare fanno festa.
Puoi rimanere a guardare, ma stai zitto e non far rumore che non sei di troppo per questioni di un niente.
Cangiante magica visione.

Aggiunto: August 4th 2019
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Sofa Music Home Page
Hits: 63
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest