Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Martin Archer ‘Another Fantastic Individual (Collect)’

(Discus Music 2019)

Una musica che, rifacendosi all’esperienza del Hornweb Sax Quartet (di cui Martin Archer fece parte nel decennio 1983-1993) si alimenta della tradizione della musica d’improvvisazione nello stile AACM, tornando alle radici, facendo a meno del contributo sostanziale del sound elettronico, e votandosi, in parte almeno, all’astrazione sperimentale. Sprazzi di melodie, in solo o condivise dal collettivo (il collettivo delle personalità di Martin Archer che si fa in 4, 5, 6… scomponendosi e interagendo con se stesso mediante sax di tutti (o quasi) i tipi, percussioni, flauti, tastiere, ecc.), riff insistiti, assoli graffianti, momenti di collaborazione (tra i suoi diversi sé del protagonista). Registrate tra dicembre 2018 e gennaio 2019, le 13 tracce dell’album costituiscono, complice anche la dedica dell’album ai (tanti) sassofonisti che lo hanno ispirato, una sorta di “personal statement”. Archer è musicista difficilmente imbrigliabile in categorie precostituite, difficilmente riconducibile a generi ben definiti, ma ha un suo stile, un suo stile articolato, innovativo, ben riconoscibile e spesso intuitivo all’ascolto, anche quando limita la sua espressività agli strumenti acustici. A caratterizzarlo è in particolare l’uso del contrasto: il contrasto tra timbri aspri e rotondi, tra registri alti e bassi, tra strutture cadenzate regolari e lunghi momenti di anarchia. Certamente non si può negare che sia un pozzo inesauribile da cui attingere idee creative. Tra i brani che esaltano particolarmente bene le virtù artistiche di Archer segnalo, oltre alla traccia che dà titolo all’album (o da esso lo riceve), behind the sun, rose bombe / oreogasm, close together, owl joins in with the morning birds (interessante esempio, quest’ultimo, di musica descrittiva, e comunque astratta) e la scanzonata joe jar, l’unica composta da un altro (non so quanto fantastico) individuo (Roscoe Mitchell).

Aggiunto: June 27th 2019
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Discus Music Home Page
Hits: 74
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest