Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Henryk Górecki ‘String Quartets Nos. 1 and 2’

(Naxos/Ducale Music 2018)

Henryk Górecki, è un compositore contemporaneo polacco annoverato tra i più grandi autori del ventesimo secolo e divenuto famoso grazie alla splendida Symphony of Sorrowful Songs del 1976, un’opera di ampio respiro per soprano e orchestra di incredibile bellezza e suggestione. Proprio quest’anno l’opera è stata celebrata ed eseguita dalla Polish National Radio Symphony Orchestra sotto la direzione di Krzysztof Penderecki, altro gigante della musica classica contemporanea, con la cantante dei Portishead, Beth Gibbons ad interpretare la parte vocale, in un sublime CD-DVD di grande pregio. I suoi quartetti, raccolti in questo prezioso CD Naxos, e magistralmente interpretati dal Tippett Quartet, ripercorrono una parte della sua evoluzione compositiva. Genesis I: Elementi, del 1962 è, infatti, indicativo del suo primo stile sperimentale e ricco di effetti, mentre già nello String Quartet No.1 del 1988 si intravede la maturazione di un linguaggio sempre più personale e profondo, molto ritmico, che inizia ad avvicinarsi alle strutture ripetitive minimalistiche, ma in modo molto originale e affascinante. Lo String Quartet no. 2, Quasi una Fantasia del 1991, è indubbiamente il più rappresentativo del suo stile personalissimo, che alterna lenti blocchi sonori ad episodi ritmicamente ossessivi e tecnicamente impegnativi nell’insieme. Il primo tempo ricorda l’incedere misterioso della Sinfonia n. 3, in un continuo crescendo che improvvisamente si ferma lasciando spazio ad un episodio meditativo in pianissimo. La potenza ritmica contenuta sia nel secondo che nel quarto movimento è assolutamente travolgente e lo stile compositivo di Gorecki, che rielabora in chiave assolutamente originale e contemporanea il linguaggio minimalistico, è racchiuso in questa bellissima opera ottimamente eseguita dall’impeccabile Tippett Quartet.

Aggiunto: June 22nd 2019
Recensore: Luciano Feliciani
Voto:
Link Correlati: Naxos Records Home Page
Hits: 57
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest