Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Cinque uomini sulla casa del morto ‘Kairòs’

(Autoproduzione 2019)

Non occorre una bottiglia di rum per stare assieme ai Cinque uomini sulla casa del morto: magari (meglio) una di Tocai, vista la provenienza del quintetto di Cividale del Friuli.
Ascoltandoli, vengono in mente i Nomadi di metà anni Settanta, quelli con Chris Dennis in formazione (Non dirlo a me), in primis per l’evidenza del violino di Davide Raciti; naturalmente in “Kairòs” il paragone deve essere trasferito naturalmente al tempo 2.0 (Dal deserto al mare, vivaci le chitarre Alberto Corredig e Francesco Imbriaco), ma l’impronta “canzone italica assennata con innesti folk” è marcatissima.
Si, sono proprio assennati (La nostra intersezione, si sentono bene la batteria di Alberto Marinig e il basso di Leonardo Duriavig); al massimo un po’ malinconici (la convincente Fino a essere nulla) e prolissi (tredici brani son troppi, poi si rischia l’effetto Ermal Meta, Torino). Quando soffia il vento del cambiamento, può essere utile anche “Gordon” (I giorni del sole).

Aggiunto: June 18th 2019
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Cinque Uomini sulla Cassa del Morto Facebook Page
Hits: 75
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest