Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


John Butcher 'Invisible Ear'

(Fringes/2003)

"Invisible Ear" è opera che se non correttamente maneggiata (?) può dar vita a notevoli incazzature ed anche forse ad atti di violenza sulla propria ragazza che vi sbeffeggerà per la presunta inculata che avete appena preso (la stupidina).
John Butcher opera in solitaria allargando talvolta le maglie del suono a dismisura, poi in altri frangenti trasporta l'ascoltatore in luoghi sinistri dove il peso specifico della massa sonora è prossimo a quello del piombo e poi, in altri momenti ancora, è proprio simile al nulla (se si è sordi). Ma bisogna andarci cauti poichè la distanza fra sublime e ridicolo è spesso delimitata da un'impercettibile diaframma che il nostro dimostra di saper valicare a suo piacimento; del suo sax e delle sue molteplici parti Butcher usa tutto e quando non basta stratifica le proprie azioni creando ambienti lisergici di notevole spessore.
L'iniziale Swan Stylesembra propendere per il ridicolo ma solo se si ascolta da un'altra stanza mentre si è impegnati a cenare, in realtà è perfetta introduzione con i suoi grotteschi suoni slabbrati che paiono figli del Burroughsdi "Interzona".
Quando arriva What Remains il cervello mi fuma abbastanza, poichè la struttura mantrica ed avvolgente del brano mi ricorda sia il Cale pre- Velvet sia lo spirito intraprendente di certe situazioni tipo Cabaret Voltaire ma vi è dell'altro, Braxton forse, oppure gli amorevoli lasciti di Keith Rowe; ma sostanzialmente si ammira lo sforzo dell'autore di sentire in maniera totalmente altra.
Streamers è poi frammento che ricongiunge idealmente il lavoro di Butcher all'opera svolta da Partch. Ma bisogna voler intendere quello che accade, bisogna aver la volontà di dedicare a queste musiche la stessa attenzione e lo stesso ascolto profondo che si è dedicato a situazioni come una Deep Listening Band o ai Tuu. Perchè questo è un'universo che ha bisogno di cure amorevoli in quanto guarda molto più lontano del proprio naso ed azzarda soluzioni che farebbero tremare le gambe a molti. Questa è la nuova Ambient o più esattamente quella che ci piace sentire, tesa e nervosa con una continua ricerca a 360 gradi che dalla sua possiede anche il grande vantaggio di un'anima che, spesso e volentieri, è disposta ad aprirsi in un gran sorriso come ci dimostra il blues sfregiato di Magnetic Bottle.
Questo disco è un soffio e l'aria è il principio della vita.

Aggiunto: May 25th 2003
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.fringesrecordings.com
Hits: 967
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest