Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Frostlake: ‘Ice & Bone’

(Discus Music 2019)

La scuderia di Martin Archer, oltre agli improvvisatori radicali, ha tra i suoi elementi di primo piano gli esploratori delle atmosfere sonore. È il caso dell’ultimo album di Frostlake: Jan Todd che suona una varietà notevole di strumenti, e compone quasi tutte le canzoni, e Terry Todd, che, oltre a suonare il basso, è coautore di The Key, la prima traccia, e The Lake, uno dei brani più belli, per il suono della chitarra basso e per le eteree voci femminili, liquide e limpide come l’acqua che evocano. Voci femminili suadenti e sensuali ci accompagnano appunto per tutta la durata dell’album e mi hanno riportato alla mente, passando dall’udito, i migliori Morceeba, anche per il ritmo soffuso, eppure costantemente sostenuto e mai cedevole, di tutti i brani. Il suono della voce, accuratamente incastrato in trame elettro/acustiche assai ben costruite, ci avvolge e ci immerge in un’atmosfera celtica, con spunti mitologici, brividi invernali e una discreta gamma di paesaggi che potremmo incontrare nelle selvagge brughiere delle fiabe nordiche. Affascinanti e nostalgici, questi paesaggi: come quando il clarinetto, nei suoi registri bassi, compare in Ghost Hotel, proprio come un fantasma, e come nella melodia epica di Last Time, che si stende sull’intreccio degli strumenti a corda che danno sostegno e propulsione alla musica. La melodia inziale di Just A Game è roba da grande folk tradizionale, e il pezzo ha un grande spunto quando entra il basso a sostenere il tutto. La mezza stella in meno è dovuta alla lunghezza eccessiva: il troppo stroppia. Ma è un peccato veniale.

Aggiunto: June 2nd 2019
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Discus Music Home Page
Hits: 70
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest