Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Marco Quagliarini ‘Dal Nero del Tempo’

(Da Vinci 2019)

Marco Quagliarini è uno dei compositori emergenti più interessanti della musica colta o ‘nuova musica’ italiana attuale (le sue opere sono state eseguite per esempio dall’Orchestra Nazionale della RAI nell’ambito dei concerti torinesi di RAI Nuova Musica). Questo CD presenta quattro suoi lavori, disegnati su chiaroscuri sonori, che suggeriscono atmosfere climatiche buie, generalmente malinconiche e di spaesamento. Il primo brano è, appunto, Dal nero del tempo, composto nel 2016, e qui proposto nell’esecuzione dell’ensemble di Carlo Boccadoro, registrata al Teatro Palladium di Roma nel gennaio 2017. La sua dimensione narrativa è assai suggestiva, delicata e perturbante a un tempo. La seconda traccia, Pater Noster, è una composizione per accordion (Samuele Telari) e voce (Arianna Vendittelli): una preghiera che, nel dialogo tra voce e strumento, dischiude implorante un’incerta dimensione mistica. Movimento, eseguito da Carlo Prampolini, è un brillante e vivace brano per pianoforte solo, un pianoforte che va alla ricerca del suono, laddove sono comunque le pause ad attrarre e intensificare l’ascolto. L’album si chiude con Dal Buio, brano per quartetto d’archi eseguito live dal Quartetto Nous nel luglio 2018. La scelta di concludere il disco con gli archi è vincente, perché le dimensioni chiaroscurali presentate dai brani precedenti vengono valorizzate e approfondite dalle dinamiche degli archi. A silenzi e colori sfocati fanno da contrappunto bagliori di suono articolati con grande maestria compositiva (particolarmente efficace la ricorrente combinazione simultanea di pizzicato e archetto) e concitate interazioni dialogate, che sembrano riproporre, in termini nuovi, l’idea goethiana che il quartetto d’archi costituisca l’immagine sonora di una conversazione. Una conversazione che, dopo un lungo percorso in cui tornano a essere riproposti argomenti precedentemente affrontati, si spegne in un silenzio intriso di dubbio. Per fortuna, Adorno (anche stavolta) aveva torto: la nuova musica non è ancora invecchiata.

Aggiunto: May 18th 2019
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Da Vinci Classics Home Page
Hits: 110
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest