Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Snack Family ‘Bunny’

(Slowfoot 2018)

Dopo una manciata di Ep, il quartetto londinese Snack Family pubblica il suo esordio sulla lunga distanza. “Bunny” scorre molto bene per chi è avvezzo a sonorità indie e soprattutto distorte.
Il quartetto si ispira liberamente al primo Nick Cave, Captain Beefheart e ai Cramps, ma in alcuni frangenti evocano anche i Morphine. Il loro sound ha una base di free-jazz, ma spesso sfocia in un punk distopico, rabbioso e rancoroso.
Il gruppo è guidato dal cantante/sassofonista James Allsopp, dotato di una voce baritonale e con il suo ottone tende a distorcere il sound in diversi rivoli.
Con Anti-Climb la direzione è quella di un frenetico free-jazz, con The strange outside, invece, il quartetto si sposta verso un post-punk sincopato e se con Lonesome as the burning sun il gruppo è estremamente vicino al re Inchiostro, mentre con la serrata Automated lover si raggiunge l’orgia tra post-punk e no wave.
Un lavoro denso, viscerale e genuino, come pochi negli ultimi tempi.

Aggiunto: April 18th 2019
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Snack Family Home Page
Hits: 23
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest