Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kora Beat ‘Yakar’

(K-Brothers 2019)

La Kora è uno strumento tradizionale senegalese simile al liuto. Il concept di questo album è il suo impiego in un ambiente jazz e funk arricchito da ritmi africani moderni, come lo mbalax e il coupé decalé. L’operazione è stata possibile grazie all’incontro dei senegalesi Cheikh Fall (Kora e voce), attivo da tempo in Italia e autore delle dieci composizioni dell’album, e Samba Mbaye (batteria), con due musicisti cresciuti nel milieu jazzistico torinese: Gianni Denitto (alto sax, effetti) e Andrea Di Marco (basso e contrabbasso). Con le sue percussioni (djembè, sabar, bougarabou, xine e tama) completa il quintetto Badara Dieng. All’album hanno poi collaborato diversi artisti: il cantante Albert Sardei in Al-Demba Talibe, una canzone dal forte messaggio sociale; il cantante Saba Anglana e il violinista Nabil Hamai in In the Deep, una fiaba di speranza; il cantante Kaly Coulibaly in Kaïra, uno spiritual dei griot (poeta-cantautore), cantato in dialetto Mandeng; e il tastierista Ibou Mbaye in Changé (canzone sui cambiamenti nell’Africa Occidentale prima e dopo la colonizzazione) e in Tiralleur, che racconta di un massacro di soldati africani da parte dei colonizzatori francesi avvenuto nel 1944. Come si evince, le canzoni ci portano storie africane, e lo fanno facendoci ondeggiare e ballare su groove ritmici incisivi che sorreggono arie melodiche affascinanti. Il sound caratteristico dell’album è costruito dalla collaborazione tra la Kora, il sax di Denitto (promessa mantenuta delle nuove leve del jazz italiano) e le percussioni. Segnalo, tra le tante tracce accattivanti, la riuscitissima rendition di Afro Blue, di Mongo Santamaria, Ndayane; e anche i refrain di Bayo e Wiri Wiri (che significa: Gira gira e torna all’inizio) sono assolutamente coinvolgenti. Farei però prima a dire che è tutto un album da ascoltare e da ballare. L’Africa ci porta calore e freschezza, anche quando ci parla delle sue tragiche storie.

Aggiunto: March 31st 2019
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Kora Beat Facebook Page
Hits: 108
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest