Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ron Caines, Martin Archer ‘Les Oiseaux de Matisse’

(Discus 2018)

Il sassofonista Ron Caines, protagonista del rock-jazz progressivo e della psychedelia britannica anni ’70, e Martin Archer (sassofoni, clarinetto, elettronica) guidano un settetto di grande valore: con Laura Cole al piano, Gus Garside al contrabbasso, Johnny Hunter alla batteria, Graham Clark al violino e alla chitarra elettrica, e Hervé Perez, responsabile anche del live sound processing, allo shakuhachi (un flauto giapponese). Le composizioni sono dei due leaders (a parte Various & Diverse, un brano cofirmato nel 1983 da Caines e Keith Tippet). Haptic Space #1 apre l’album con un duetto riflessivo di piano e sassofono (quello di Caines). A seguire il contrabbasso dà il ritmo a Labyrinth, prima che due composizioni di Archer (Les Oiseaux de Matisse e Nymphzurück) ci riportino al sound del British progressive anni ’70. Triangulation e The News From Nowhere/Mazeep percorrono invece, in modi diversi, le strade dell’improvvisazione e del suono atmosferico. Completano il lavoro due brani di Caines: Heavy Loaded Trane, in cui il richiamo all’ultimo Coltrane è evidente non solo nel titolo (anche qui Laura Cole mostra di cogliere perfettamente il mood di Caines) e Haptic Space #2, che chiude il disco così com’era cominciato. Assoli convincenti, gran senso del fare musica insieme, amore per la sorpresa e insieme rispetto creativo delle tradizioni. Un ottimo CD di un’ottima band.

Aggiunto: January 7th 2019
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Discus Music Bandcamp Page
Hits: 84
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest