Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Christian Wolff ‘Two Orchestra Pieces’

(New World Records 2018)

Nome storico tra gli sperimentalisti americani del XX secolo, Christian Wolff (1934) è il protagonista di questo intrigante Cd della New World Records con due (relativamente recenti) composizioni orchestrali. In John, David, del 1998, Wolff rende omaggio a due suoi amici illustri, ovvero John Cage e David Tudor, la cui influenza, soprattutto del primo, è percepibile nel ruolo costruttivo assegnato al silenzio, in quanto unica costante di un brano frammentario, in cui si alternano senza apparente nesso strutturale materiali musicali di vario genere: sequenze accordali ripetute, delicati patterns, accenni di danza, passaggi cacofonici, e, nella seconda parte, in cui è assegnato un ruolo preminente al percussionista – che risponde al nome di Robyn Schulkowsky -, anche canzoni popolari, sebbene trasfigurate fino al punto da essere difficilmente riconoscibili di primo acchito. Non si discosta da questo idioma compositivo la successiva e più lunga Rhapsody (2009; quasi mezz’ora di durata), in cui l’Autore suddivide l’orchestra in tre sottosezioni di 10 elementi (otto archi più trombone-arpa/flauto-corno/fagotto-tromba) – ciascuna con un proprio direttore - per esplorarne le varie, possibili interrelazioni. Anche qui abbiamo a che fare con una scrittura a ‘patchwork’, consistente nell’assemblaggio dei materiali più disparati per ciò che concerne la lunghezza, il volume, il colore strumentale, e più in generale il carattere (prevalentemente dissonante). Una tecnica che Wolff stesso definisce come ‘un bizzarro mix di Ives e Satie’, in cui alla densità e al polistilismo del primo fa da contraltare la semplicità e l’immediatezza del secondo. Ma si potrebbero fare anche i nomi di Feldman e, di nuovo, di Cage, nella misura in cui sono le pause, quando non le decisioni arbitrarie dei musicisti, a scandire i tempi dell’alternanza e dell’accostamento e a far sì che da essi emerga non già una narrazione, bensì un qualche, seppur labile e (volutamente) precario, senso di continuità.

Aggiunto: January 4th 2019
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: New World Records Home Page
Hits: 119
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest