Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dave Rempis, Tomeka Reid, Joshua Abrams ‘Ithra’

(Aerophonic 2018)

Il sassofonista di Chicago Dave Rempis si unisce al violoncellista Tomeka Reid e al bassista Joshua Abrams per questa collaborazione per l’etichetta da lui fondata. Musica da camera improvvisata, in cui i tre protagonisti intessono dialoghi ricchi di interplay, senza calpestarsi i piedi e lasciando ai solisti i giusti spazi. Ciò che conta è soprattutto l’ensemble, sebbene i singoli si facciano notare, eccome. Esemplare in tal senso è la lunga Morphallaxis, nella cui prima parte il limpido sax alto di Rempis (il cui suono deve molto ai sassofonisti della West Coast) si libra elegante sulle trame ben disegnate del violoncello, mentre il basso offre un solido sostegno ritmico. Poi il gioco diventa più complesso, l’intreccio più stretto e dinamico. In generale, tutte le tracce riescono a mescolare generi diversi (dal folk al free jazz, alla free impro, con sprazzi di intenzioni rock), in brani ricchi di espressività e carichi di decisioni non scontate: senz’altro eccellenti combinazioni di improvvisazione e composizione (o, almeno, premeditazione). Come in Wattle and Daub, in cui è da segnalare un ammaliante breve assolo del violoncello nella parte finale, che ben si amalgama con il tappeto sonoro generale, molto d’atmosfera. Come d’atmosfera è Sigu Toio, cui fa seguito il molto più ritmato e nervoso Chorissa (la cui parte centrale ci riporta però a sonorità più dimesse e forse più sinistre, sino al frenetico finale). Nel complesso si tratta di un altro ottimo lavoro di uno dei più interessanti musicisti del momento, un lavoro che, alla fine, esibisce la sua natura di musica dal vivo.

Aggiunto: December 29th 2018
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Aerophonic Records Home Page
Hits: 60
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest