Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Black Lagoon ‘Black Lagoon’

(Non Piangere Dischi / Di Notte records 2018)

Mettete dentro un frullatore una dose importante di kosmische musik teutonica (tanto per intenderci robetta minimal come Neu!, acida come Kluster), spruzzateci sopra qualche goccia aromatica di rotondeggiante exotica (penso alle curve lounge di casa Tipsy), e dateci dentro con i sapori sintetici della retro-wave ’80 molto full screen, ma senza dimenticare l’elettronica di matrice techno, e avrete più o meno le idee chiare sul progetto Black Lagoon. Moniker che svela l’identità di Andrea Signorini, uno che nell’underground italico si è conquistato già una posizione di tutto rispetto, militando nei funambolici Hell Demonio (2 uscite all’attivo anche su Wallace), e col marchio Afraid!, di derivazione più scream-o. Cosa lo abbia spinto, a dire il vero già da un po' di tempo, a sondare atmosfere dal marcato identikit sci-fi e spaziale non lo sappiamo con certezza, ma presumiamo che il binomio passione per i sintetizzatori e il morboso attaccamento alle narrazioni fantascientifiche di un Robert Asimov abbia il suo perché. Nessuno potrebbe obiettare dal momento che l’opener Tangerine è pura acid-wave plasticosa che cavalca su intarsi ritmici minimali; Vostock è annebbiata da ariose divagazioni di synth invero space-mood, che preludono a sofismi post-rock dall’inaspettato retrogusto progressivo. Gli incastri studiati da Signorini sono azzeccatissimi, montando costruzioni spaziali al pari di lego impazziti dai mille colori. Escape è un palpitante motorik che fa pensare ad un John Carpenter intorpidito da sostanze allucinogene, bramando nei bassifondi oscure sintesi para-funky; Legba è un’eccentrica alchimia dove primeggia un non-so-che di etnico e desertico; Azibi sono quasi 10 minuti di sofisticata electro-clash technoide che potrebbe persino indurre in tentazioni lato Richie Hawtin versione Plastikman; la conclusiva Truth, un’esplosione imperativa di techno-stomp dalle provocanti movenze club-style.

Aggiunto: December 11th 2018
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Black Lagoon Bandcamp Page
Hits: 171
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest