Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Eduardo Reck Miranda ‘Mind Pieces, Sound to Sea’

(Da Vinci Classics 2018)

È quasi sorprendente leggere, nel sottotitolo di questo Cd della Da Vinci Classics, che le due composizioni orchestrali qui presentate sono computer-aided”. Già, perché l’Autore, il compositore brasiliano (ma da anni attivo nel Regno Unito) classe 1963 Eduardo Reck Miranda è famoso per aver sviluppato sistemi compositivi basati sull’intelligenza artificiale. Sistemi che sono operativi anche in questi due lavori piuttosto recenti: Mind Pieces, per orchestra, percussioni e pianoforte preparato, è del 2010, mentre Sound to Sea, per orchestra, coro, organo e percussioni, è del 2012. Sorprendente, dicevo, in quanto Eduardo Reck Miranda si dimostra abilissimo nel nascondere l’artificio, in ottemperanza al motto dell’ars est celare artem, donando a ciascuno dei movimenti in cui i brani sono suddivisi una notevole scorrevolezza e freschezza, tanto nell’elaborazione dei temi quanto nello sviluppo degli stessi. D’altronde, è l’Autore stesso a confessare di essere costantemente attraversato da intuizioni melodiche, ritmiche, e timbriche, per dare ordine alle quali si avvale di procedure elaborate tramite computer che evidentemente il Nostro riesce brillantemente a piegare alle particolari esigenze espressive. Ne risultano due brani ricchi di colori, invenzioni melodiche, brillanti progressioni ritmiche, incastonate in una struttura tanto rigorosa quanto mobile. Non mancano citazioni a compositori del passato: da Ravel, Villa-Lobos, Cage (pensiamo, riguardo ai primi due, all’uso del sassofono e delle percussioni in Mind Pieces, o, in riferimento a Cage, alle ondivaghe incursioni del pianoforte preparato nel bel mezzo del quinto movimento dello stesso brano, dal carattere fondamentalmente innodico) a Mozart, Elgar e alla ricchissima tradizione inglese di musica corale (in Sound to Sea). In questo secondo caso, notevole è la capacità di Reck Miranda di tessere un vero e proprio viaggio musicale che, attraverso l’alternanza di radiosi passaggi consonanti e sezioni più frammentarie, in cui sperimentalismi à la Luciano Berio si mescolano a oblique incursioni nel musical, riesce a ricomporre fonti testuali diversissime, che comprendono Orazio, Shakespeare, Mark Twain, e Darwin. Ciò, a riprova di una sensibilità che si nutre della propria storia, andando ben oltre la pur utile assistenza di complesse programmazioni meccaniche.

Aggiunto: November 14th 2018
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Da Vinci Records Home Page
Hits: 46
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest