Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Kelly Joe Phelps 'Slingshot Professionals'

(Rykodisc/IRD 2003)

Conosco Kelly Joe Phelps dal suo “Shine Eyed Mr Zen” del ’99, un album che ricordo bene, mi colpì sin dalle prime note: una voce calda, molto “soulful”, splendida chitarra acustica, arrangiamenti folk-blues ed i giochi erano praticamente fatti, come un moderno hobo si presentava in perfetta solitudine. Da allora un po’ di acqua sotto i ponti ne è comunque passata, e devo dire che passo dopo passo, con qualche disco in più alle spalle Kelly si ripresenta, in maniera graditissima direi, con questo suo nuovo “Slingshot Professionals”, sicuramente un gran passo avanti. Innanzitutto è doveroso sottolineare il fatto che il nostro non è cambiato per nulla, le prime impressioni rimangono, anzi vengono definitivamente confermate, ma qui abbiamo una band alle spalle, una band con i fiocchi, che arricchisce devo dire in maniera esaltante le già pur notevoli qualità del protagonista. Violino, percussioni, piano, organo, mandolino e seconda voce sono in questo caso veramente l’ideale completamento di un raro preziosissimo esempio di canzone d’autore. Certo anche qui i richiami non mancano; mi vengono in mente ad esempio Marc Cohn in Waiting For Marty ( bellissima e toccante) oppure Bruce Cockburn in It’s James Now, ma d’altra parte lo scopo della musica è proprio questo: evocare ricordi, personaggi da noi amati, creare atmosfera e risvegliare la nostra anima, scopo qui raggiunto alla grande. Ascoltiamoci l’iniziale Jericho: inizio con percussioni e basso acustico poi voce, chitarra, organo e violino in un’atmosfera magica fatta di folk, anima e raffinatezze strumentali, cosa che si ripete nella successiva Window Grin e in It’s James Now. Cardboard Box Of Batteries ci riporta al Marc Cohn più ispirato, mentre le conclusive Circle Wars e Rusting Gate hanno un tessuto folk altamente evocativo. In definitiva un disco ispiratissimo, toccante ed altamente sentito dal suo autore. Mi sia concesso di concludere con un avviso ai naviganti: abbiamo una sola vita e neanche tanto lunga per giunta, e quindi alla luce di tutto ciò cerchiamo di raccogliere tutte le gemme che raramente riusciamo a trovare, per il resto, alla prossima e molte stelle al musicista.

Aggiunto: May 19th 2003
Recensore: Stefano Scaloni
Voto:
Link Correlati: Kelly Joe home page
Hits: 1386
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest