Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


U.S. Steel Cello Ensemble 'Noise In The Library'

(Putojefe 2018)

Berlinese classe 1931, Robert “Bob” Rutman è arzillo giovinottello che con la sua strumentazione metallica homemade, ha strinato le orecchie di più d'uno con il suo potente ronzamento.
Ha collaborato con i Neubauten e Merce Cunningham, gli Swans, Heiner Goebbels e Robert Wilson, come dire, il vibrar del tuono, corpi in movimento e una modica quantità di arguto humor.
In costante progressione sbrecciata/minimale, dalla voce grossa e l'animo fanciullo.
Lo Steel Cello Ensemble, progetto a quattro impegnato a dar voce alla strumentazione metallica creata da Rutman (delle grandi lastre carezzate e spesso aggredite, vere e proprie sculture sonore, la cui visione lascia il segno), gli ha permesso di esibirsi in maniera trasversale fra istituzioni culturali riconosciute e affermate (il MoMA o l'Atonal Festival) e situazioni underground assortite.
Un tutt'uno suono/performance/visione che scuote.
“Noise iIn The Library”, era un nastro edito nel 1989 da Rutman stesso per la sua Rutdog, che documentava un live berlinese dello stesso anno con l'ensemble lanciato al massimo dei giri.
Scordate ogni tipo di elettronica, troverete solo sensibilità, materia e intensità.
In principio, sbattuti fra Tuva e un gran minaccioso Om, arcaico e raschiante il procedere, in avanti, fra rintocchi risonanti e una distesa cangiante di divino stridore, poi, il coppino salta.
Un panorama spinale ballardiano, infinito e plumbeo, ben oltre i rachitici apprendisti dronatori dell'oggi, un collasso rallentato, planante, e parole, pensate e non pronunciate fra la pioggia, poca roba resta.
Da riprodurre assolutamente al massimo del volume.
File Under: Sacred Music.

Aggiunto: September 2nd 2018
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Putojefe Records Home Page
Hits: 117
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest