Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ammar 808 'Maghreb United'

(Glitterbeat 2018)

Ma quale trap, accogli il futuro dal verso giusto.
Nel 2017 dalla valle del Bargou, tra le montagne del nord-ovest della Tunisia, con il mormorio del mondo tenuto a debita distanza, Nidhal Yahyaoui e Sofyann Ben Youssef (Ammar 808), ci recapitano il progetto Bargou 08.
Il loro “Targ” è opera preziosa, capace di coniugar tempo che avanza e tradizioni in via di estinzione, come poche altre volte è capitato di udire.
Bombe soniche rituali, intrise di sole e vita.
Ora, il producer e musicista elettronico Ben Youssef, si spinge in territori in gran parte inesplorati (per la nostra sensibilità anemica).
“Maghreb United”, è esplorazione sensoriale devastante, non più ieri/oggi/domani, semplicemente oltre.
Bassi di gomma e scansioni digitali, tensione ed elevazione, l'urto delle voci di Mehdi Nassouli (Marocco), Sofiane Saidi (Algeria) e Cheb Hassen Tej (Tunisia), a lanciar più di un allarme sul cosa possa accadere quando le proprie origini vanno in frantumi, non è questione di rivendicazioni identitarie o quant'altro, non è una semplice fuga in avanti verso le braccia dell'occidente, non è un volo radente e superficiale lungo territori sconosciuti. “Maghreb United”, è speranza, più forte di ogni altra faccenda, anche se gli occhi bruciano per il vento caldo del deserto.
Flebili contatti con l'arte di Raz Mesinai (per impatto ritmico) o Pharoah Chromium (per la capacità di trasportarti con tutte le scarpe dove non sei di casa), ma la visione di Youssef, si affila le unghie dove la tradizione ci sopravvive, ricordando che ciò che divide oggi, non è stato mai richiesto da nessuno.
Semplicemente, il futuro che ci permette di riconsiderar l'avaria del nostro presente.
Al volume più alto possibile, testa e corpo un tutt'uno fremente.
Ovvio che i vicini possano risentirsi, mettetelo in conto e mandateli a fare in culo.
W “Maghreb United”.

Aggiunto: July 9th 2018
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Glitterbeat Records Home Page
Hits: 134
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest