Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Chris Meloche, Martin Archer, Gino Robair, Lyn Hodnett ‘The Sincerity of Light’

(Discus Music 2018)

La collaborazione tra Chris Meloche (chitarra ed elettonica), Gino Robair (percussioni ed elettronica), Lyn Hodnett (voce) e il bulimico Martin Archer (sax, tastiere ed elettronica), congeniata e orchestrata da quest’ultimo (che davvero non si ferma mai!), porta a un risultato convincente e ricco di spunti creativi. Tappeti sonori ripetitivi generano un’atmosfera di sospensione e trance, puntellata, nelle tre diverse parti di questa suite, dai vari interventi dei sax, delle percussioni, della chitarra, della voce e dell’elettronica. In tal modo si crea una strana sensazione di fissità in movimento: i riff e i droni ripetitivi si sviluppano progressivamente, alimentando un suono assai stratificato e complesso, ma sempre brillante. Brillante come la luce di cui l’album decanta, in suoni, la sincerità; una luce che colpisce, a sprazzi, proprio grazie agli intensi inserimenti dei vari elementi del gruppo. Un disco psichedelico, onirico, avvolgente.

Aggiunto: July 2nd 2018
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Discus Music Home Page
Hits: 204
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest