Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Werner Durand ‘Schwingende Luftsäulen’

(Ants Records 2017)

Ad un primo ascolto le sensazioni iniziali sono state di tangibile difficoltà, entrare in contatto con questo lavoro di Werner Durand richiede giusta, meritata concentrazione. Passano i giorni, rimesso il cd nello stereo durante un quieto pomeriggio di afosa estate, quando gli unici rumori a farmi compagnia sono il cinguettio degli uccelli e qualche furtivo rombo di macchina ad intervalli medio-lunghi, che finalmente accade la folgorazione. La scenografia sonora circostante mi concede di godere a pieno dei 7 saggi di incantata aerofonia sonora che l’avanguardista tedesco ci presenta suonando uno strumento autocostruito, il Pan-Ney: un peculiare fascio di tubi, fatto di vetro acrilico dalle varie dimensioni e diametri, scarno di fori e tasti, dove il musicista soffia in maniera obliqua, rievocando il modus operandi dei suonatori tradizionali persiani di flauto Ney, e cagionando di conseguenza un mantra di suoni assai variegato. Entriamo in contatto con delle ‘colonne d’aria oscillanti’ da cui colano scenari e variazioni dapprima quieti, poco modulari, un ronzio dronante ipnotico che in Amplitude si smuove verso il calare, mentre in Stehende Wellen I assume connotati quasi litanici e ancestrali che fanno pensare a paesaggi notturni. Druckwellen e Gegenwelle tessono sonorità circolari quanto frastagliate mentre si rimane affascianti dall’incipit messianico di Stehende Wellen II e dalla delicatezza della finale Wellereiter. La registrazione dell’intero lotto risale ad un periodo di tempo intercorso tra l’autunno del 2010 e l’inverno del ’11, in cui Durand ha composto e suonato in certosina solitudine dedicando il tutto all’eretico maestro del minimalismo Tony Conrad, e più precisamente ad un suo lavoro da cui ha tratto ispirazione, “Ten Years Alive On The Infinite Plane”.
“Schwingende Luftsäulen” è un altro assaggio di ottima musica sperimentale messo a segno dalla capitolina ANTS di Giovanni Antognozzi, impreziosito da un artwork accattivante e racchiuso in una confezione di rara bellezza artistica che lo rende come sempre oggetto unico e inimitabile.

Aggiunto: July 2nd 2018
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Ants Records Home Page
Hits: 78
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest