Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Simone Dinnerstein & A Far Cry ‘Circles: Piano Concertos by Bach + Glass’

(OMM 2018)

Accostare opere di autori distanti di (quasi tre) secoli può sembrare operazione azzardata, per quanto sempre interessante e capace di stuzzicare la curiosità di ascoltatori dai gusti diversi. In questo caso, il successo dell’accostamento è garantito dal fatto che gli autori in questione, J.S. Bach e Philip Glass, condividono più di un tratto. La loro è una musica che travalica i confini spazio-temporali per guardare all’eternità. Le mirabili geometrie che informano le loro partiture, pur ottenute con mezzi diversi - da un lato, le complesse griglie contrappuntistiche bachiane, dall’altro, le strutture circolari e i processi additivi del minimalista americano -, cristallizzano la loro visione in un regno di pura bellezza. L’energia ritmica delle sezioni veloci scorre con estrema fluidità; l’intensa espressività delle linee melodiche - pensiamo al sublime Andante del concerto bachiano per tastiera (Op. BWV 1058), o all’ipnotico terzo movimento (dedicato ad Arvo Part) del terzo concerto per pianoforte di Glass - è come spogliata degli accenti più estremi e consegnata a una dimensione quasi metafisica. La giovane pianista Simone Dinnerstein si sta affermando come una delle più accreditate interpreti del repertorio tastieristico di Bach; l’orchestra da camera per archi A Far Cry, fondata nel 2007, non ha un direttore, preferendo prendere le decisioni in maniera democratica e collettiva, senza con ciò rinunciare all’apporto individuale di ogni singolo componente. Entrambi i soggetti si dimostrano interpreti ideali per pagine, come queste, in cui il solista non si impone sull’orchestra, ma intesse un dialogo costante con le parti strumentali, e in cui rigore strutturale e sensibilità di tocco e di espressione vanno di pari passo.

Aggiunto: May 28th 2018
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Orange Mountain Music Home Page
Hits: 292
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest