Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Oyster ‘Oy’

(Piccola Orchestra Records 2017)

Gli Oyster sono un quartetto proveniente dall’area del nord-est, costituito dalla coppia di fiatisti Matteo Cuzzolin e Demetrio Bonvecchio, il primo al sax e autore di tutte le tracks – eccetto per una Chopin di Robert Shumann rivisitata con garbato piglio à la west-coast – e il secondo al trombone, avvolti dalla sezione ritmica di Marco Stagni e Filip Milenkovic, rispettivamente contrabbasso e batteria. Piuttosto chiaro da subito il messaggio lanciato all’esterno: suonare dello squisito modern-jazz che risulti originale negli arrangiamenti senza andare troppo a pescare dal calderone dell’avanguardia e della dissonanza. Una garbata ventata di newthing composta, elegante, a partire dall’accurato leit-motiv melodico che avvolge il corpo di Everybody Becomes G, dove gli Oyster sono ben attenti a non forzare mai troppo la mano, anche quando in Askja Cuzzolin si cimenta in un forbito assolo, dialogando a macchia col trombone, a sua volta ‘prima-donna’ nella successiva Ken Loach (For the Losers). Le aperture a toni più iracondi e libertari, con dosaggi sempre calibrati ad hoc, si possono carpire dall’ascolto di Funeral Intro e Funeral Mafia, ritornando subito dopo nel climax cool di Popochan e in quello dall’affilato retrogusto esotico-samba di Oyster Have Feelings Too, tra i migliori brani del lotto, anche per l’uso che il quartetto fa di note ripetute e incastrate tra esse con gusto minimale. Buona musica, bravi musicisti, resa finale più che soddisfacente. Il giovane jazz italiano che ci piace.

Aggiunto: April 1st 2018
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Oyster Facebook Page
Hits: 186
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest