Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bruckmann/Diaz-Infante/Shiurba/Stackpole 'Grand Mal'

(Barely Auditable Records 2003)

Copertina nera con ingrandimento color argento di tessuto nervoso aggredito da tossici agenti esterni; eleganza e funzionalità.
"Grand Mal" è opera complessa che predilige la diluizione dei singoli elementi, piuttosto che lo scontro frontale; ne deriva un lento e talvolta raffinato mescolarsi di aromi che evita in maniera brillante la semplice ed usuale classificazione sotto sigle spesso, eccessivamente, ingombranti come Avant ed Impro.
E' materia bruta questo è vero, ma non ti stende definitivamente i padiglioni auricolari poichè a due buone randellate sul coppino preferisce un'approccio intossicante a base di metalli leggeri che lentamente ti fotte il sistema nervoso. Ci si muove impercettibilmente come un bradipo in un'ambiente oscuro dove le singolarità sono bandite in virtù di una scrittura corale che genera strani effetti ipnotici sull'ascoltatore grazie al lento stiracchiarsi degli strumenti impiegati di volta in volta; le percussioni metalliche di Karen Stackpole se ne vanno da una parte mentre la chitarra acustica di Infante viaggia su di un'altro binario; poi come per incanto un'accenno di elettrica disgregata sopprime il tutto, mentre un qualche suono naturale chiude l'improbabile sessione. L'ecletticità è comunque una caratteristica ragguardevole nel bagaglio espressivo dei coinvolti, da ricordare brevemente le collaborazioni della Stackpole con il duo di metalli e gong degli Euphonics e con Moe Staiano, Kyle Bruckmann è nome da annotare per l'opera svolta in connubio con Olivia Block, Guillermo Gregorio e Fred Lonberg-Holm, di Shiurba diremo soltanto, e forse può bastare, che è un caro accompagnatore di Anthony Braxton , mentre lasciamo per ultimo Infante di cui caldamente vi consiglio l'acquisto del suo "Solus", ma anche del lavoro a nome proprio "Ernesto Diaz Infante". Le ascendenze sono dunque molteplici ed il rintracciarle spesso diviene un giochino simpatico da fare, come non dire infatti che l'ellittico solo di oboe di Catatonic Posturing 1 ci ricorda Palestine, in occasione di Nervous Tic è semplice rintracciare cromosomi di scuola Fat ma anche, come nella seguente Gray Matter, elementi riconducibili a certe istanze più fuori di testa del glorioso catalogo 'Sst' come Saccharine Trust o Tom Trocolli's Dog e poi ancora piace il voler insistere su forme spesso quasi classiche che si deformano in ambienti sonori tipicamente europei ed ancora diverte il senso di follia riconducibile alle registrazioni spesso, quelle si, veramente brute di Dave Knott.
In conclusione se ancora non lo si fosse compreso dopo questo girovagare di parole inconcludenti; disco altamente consigliato.

Aggiunto: May 13th 2003
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.barelyauditable.com
Hits: 7204
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest