Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


FatSoul ‘Homo ebetis’

(Dischi Bervisti 2017)

I FatSoul sono un power trio padovano, nato tre anni fa, che compone brani rigorosamente strumentali e soprattutto con un ritmo sempre serrato.
In questo esordio chiariscono subito qual è la loro direzione, vale a dire un hard-funk da cui il trio parte per altre direzioni/diramazioni.
Con Oshoneck, il trio miscela jazz, math e progressive in modo pulsante, veloce e frizzante, situazione non dissimile da Ave setan, dove però il funk primusiano lascia spesso spazio a momenti di quasi jazzcore.
Se con Honey il trio vira verso un intensissimo e affasciante funky metal, sempre in salsa Primus, con venature jazz, in Sthercules riescono a coniugare il prog con un math pomposo ed enfatico, niente a che vedere con la sferzante e ansiogena Karaotene.
Un ottimo esordio, perché riesce a ridare linfa e ossigeno al math-funky-metal-jazz, di cui ultimamente si stavano perdendo le tracce.

Aggiunto: March 12th 2018
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: FatSoul Facebook Page
Hits: 313
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest