Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ned Rorem ‘Our Town’

(New World Records 2017)

Ned Rorem, classe 1923, uno tra i più grandi esponenti della musica americana del ‘900, vincitore del Pulitzer Prize nel 1976 con la splendida composizione Air Music: Ten Etudes for Orchestra, compone la musica per l’opera Our Town ora disponibile in questa ottima registrazione per la New World Records. Grande compositore con al suo attivo numerosissime opere sinfoniche e cameristiche, è maggiormente conosciuto come autore di musica vocale e per coro. Già allievo di Nadia Boulanger, Gian Carlo Menotti e, infine a Tanglewood, di Aaron Copland, Ned Rorem acquisisce e sviluppa un personale linguaggio armonico-musicale complesso e molto originale. La famosa opera teatrale Our Town di Thornton Wilder, lo lega ancor di più alla figura di Copland; quest’ultimo, infatti, compose le musiche per l’omonimo film cinematografico del 1940, diretto da Sam Woods e plurinominato agli Oscar. Il libretto di J. D. McClatchy si adatta splendidamente alle musiche, che ricordano molto lo stile neoclassico “americano”, delineando magnificamente l’atmosfera di quest’opera. Il linguaggio musicale, infatti, segue la tradizione dei grandi capolavori teatrali di Bernstein o delle Songs di coplandiana memoria. Ne deriva un’opera deliziosa molto personale, in cui le linee vocali sono splendidamente incrociate ed accompagnate a quelle strumentali. L’orchestrazione pulita, molto cameristica, contribuisce a donare all’Opera una leggerezza unica. Un lavoro coerente, ottimamente elaborato, dallo spiccato sapore americano, a tratti quasi “Thomsoniano”, che alterna episodi divertenti a canzoni e arie dalle linee melodiche molto belle, delicate e affascinanti.

Matthew DiBattista, Margot Rood, Brendan Buckley, Donald Wilkinson, Krista River, David Kravitz, Angela Gooch, Glorivy Arroyo, Stanley Wilson

Monadnock Music, Gil Rose, conductor

Aggiunto: February 28th 2018
Recensore: Luciano Feliciani
Voto:
Link Correlati: New World Records Home Page
Hits: 115
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest