Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Toxydoll 'Hawkward’

(Aut Records 2017)

Ci sono dischi che ti prendono dalla prima nota. Di solito, quelli di musica sperimentale e improvvisazione che riescono nell’impresa non sono molti. Questo è uno di quei non molti. Nonostante il titolo, è tutt’altro che imbarazzante il potente mix di jazz, hard-progressiv rock e materiale etnico (cfr. il brano Obatalà) che propongono Bob Meanza (sintetizzatori ed elettronica) & compagnia bella. Particolarmente convincenti il sassofono contralto di Vicent Domènech (che a momenti mi ricorda un po’ Steve Lehman, ma ha una sua forte personalità) e la chitarra, ricca di soluzioni timbriche e ritmiche, di Alberto Cavenati. Ma sarebbe ingiusto dimenticare il drumming di Olga Nosova (che ci offre anche la sua voce). Davvero molto riuscite e varie le composizioni. Si va dall’atmosfera ledzeppeliniana di Whole Lotta Dog alle suggestioni rumoristiche di Mr. Trotzkopf, ma non ci sono punti deboli e le tracce sarebbero tutte da ricordare. Esse alternano una scrittura strutturata e incisiva a momenti di libertà collettiva, sempre ben controllata (anche quando – si ascolti ad esempio la parte centrale di 18 Trigger off – si tratta di svisare insieme allegramente). Anche l’insistenza dei riff ripetuti non stanca, ma sostiene l’energica pulsazione che tiene insieme il tutto e consente poi alla musica di librarsi in dimensioni più eteree (esemplare mi sembra, al riguardo, la robusta Viruta, che tuttavia lascia lo spazio a una fluttuante quasi-citazione della melodia del classicissimo Caravan, per poi ripartire con dinamica decisione). Un gran bell’album, da ascoltare e riascoltare. Se mi era piaciuto 'Bullsheep', 'Hawkward' mi piace ancor di più.

Aggiunto: January 26th 2018
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Aut Records Bandcamp Page
Hits: 251
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest