Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bad Jazz ‘Daymare’

(Eh?-93 2017)

Il trio statunitense Bad Jazz si dedica alla soundart, producendo una musica noise da vero e proprio incubo diurno. Il termine Daymare, appropriatamente inventato per intitolare il lavoro, gioca anche con il nome di uno dei componenti il trio: Bryan Day, che qui suona “invented instruments” (completano il gruppo Tania Chen al piano e agli “electric toys” e Ben Salomon, impegnato con altri “invented instruments”). La dimensione onirica in cui veniamo immersi è del tutto concreta. Mettendoci in relazione diretta e immediata con la materialità fisica delle sorgenti acustiche dei suoni e dei rumori, l’incubo di Day ci travolge: e questo non ci permette quel distacco immaginativo che, a detta di molti filosofi, sarebbe responsabile della specifica dimensione dell’esperienza estetica. Così, quando non è la rappresentazione, ma direttamente la realtà, a essere esperita, il sentimento del brutto degenera in disgusto (Kant docet) ed è quanto accade, per es. allorché a un certo punto del disco ci troviamo invasi dal rumore organico decisamente disturbante dei gorgoglii di qualche schifosa sostanza liquida in ebollizione. E anche, per portare un altro esempio, il suono proveniente da quelle tastiere per bambini con orrendo accompagnamento ritmico automatico (di cui purtroppo faccio ogni tanto esperienza a casa mia) è fortemente irritante e stucchevole. Irritante, stucchevole, disgustoso: un disco, in tal senso, riuscitissimo, nella sua onirica, ma materialissima, perversione.

Aggiunto: January 19th 2018
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Eh? Records Discogs Page
Hits: 205
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest