Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Move (9) ‎– ‘Hyvinkää’

(Unisono Records 2017)

L’album presenta il concerto svolto nel settembre 2016 dal collettivo Move all’ Hyvinkää Art Museum di Helsinki. I musicisti (Adam Pultz Melbye, contrabbasso; Dag Magnus Narvesen, batteria; Achim Kaufmann, piano; (Harri Sjöström, sassofoni; Emilio Gordoa, vibrafono) si esibiscono in una improvvisazione acustica collettiva (con qualche elemento precomposto), che genera atmosfere coinvolgenti ed è nutrita da episodi espressivi di diverso tenore, in cui di volta in volta o uno degli strumenti può assumere il ruolo di voce dominante o un dialogo tra due o più voci può risaltare sulla scena, mentre gli altri “attori” fanno da contrappunto. Senza eccedere, nonostante qualche episodio più concitato, in momenti di ardita tensione (anzi), e senza far risaltare le dissonanze (comunque tipiche di uno stile al confine tra l’avanguardia e il free jazz contemporaneo), il flusso sonoro del quintetto scorre piacevole in questo interessante documento della scena attuale dell’improvvisazione musicale europea.

Aggiunto: January 10th 2018
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: uniSono Records Home Page
Hits: 161
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest