Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Eliza Garth ‘Tour de Force’

(Albany 2018)

Come il titolo di questa nuovissima uscita della Albany Records promette, è un vero e proprio tour de force quello a cui la bravissima pianista americana Eliza Garth viene sottoposta. La serie dei tredici preludi scritti da Sheree Clement nell’arco di quasi quarant’anni (!) disegnano sorprendentemente una parabola piuttosto uniforme, caratterizzata da un progressivo oltrepassare i confini della tonalità per pervenire a un linguaggio armonicamente aspro, seppur non privo di momenti di contemplativa e introspettiva bellezza. La Clement ama lavorare con rapide figurazioni di note che si rincorrono in passaggi ritmici molto complessi, per essere sovente ostacolati da brusche interruzioni o impervie deviazioni. Se dovessi citare un riferimento per questi brani, chiamerei in causa le Night Fantasies di Elliott Carter. Altrettanto virtuosistica, seppur molto distante del punto di vista stilistico, è la composizione Of Points Fixed and Fluid di Perry Goldstein, autore che ama giustapporre materiali musicali di carattere e stile differente, talvolta opposto ‒ alla maniera di Stravinskij o, per arrivare ai nostri giorni, Fitkin ‒, sviluppandoli separatamente per poi farli collidere, innescando dinamiche dense e ricche di tensione. In questo caso, la contrapposizione è tra una ipnotica sequenza di note ripetute e un insieme di figurazioni sincopate che richiamano il jazz. Il modo in cui Goldstein applica questa tecnica è personale e rimarchevole, come dimostrato anche in altre precedenti composizioni (penso ad esempio al quartetto di sassofoni Blow). In questo caso, la conclusione è meno pacificata e lascia qualcosa di (volutamente) insoluto, pur nel contesto di un disegno formale ben preciso. Eliza Garth si muove a proprio agio in mondo espressivi così diversi, che dimostrano la vitalità della musica contemporanea, specialmente americana, per pianoforte.

Aggiunto: January 10th 2018
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Albany Records Home Page
Hits: 160
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest