Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Land of Drum ‘Rhythm Spirits’

(Land od Drum 2017)

Non avevo mai pensato che Tomorrow never knows (dei Beatles) potesse essere mescolata con A Love Supreme (di Coltrane). Eppure la versione che offre la band estone ‘Land of Drum’ riesce a farlo con un risultato sorprendente, tanto suona naturale, nel finale del pezzo. In fondo il domani non (lo si) conosce mai. Il brano dei Beatles, ovvio, è meglio sentirlo in originale. Andatevelo a riascoltare in ‘Revolver’. È la prima traccia (o per prudenza diciamo: una delle prime tracce) nella storia del rock in cui la registrazione in studio produce suoni all’epoca non riproducibili dal vivo (tra parentesi: secondo alcuni filosofi del rock – non io – sarebbe allora la prima opera rock, o una delle prime, il che suona davvero un po’ strano). È un brano sensazionale. Qui è ripreso in particolare per la ritmica incalzante e ossessiva (da trance mistica) e per l’atmosfera orientaleggiante che, grazie a tablas e sitar, aleggia in tutto l’album e che, tanto per ribadire il concetto, è anch’essa un’eredità beatlesiana (ma che cosa non hanno anticipato i Fab Four?). È un disco nel complesso interessante, in particolare per la spirituale atmosfera ritmica evocata dal titolo dell’album e ben impressa nelle note delle sue 8 canzoni anche grazie alla sapiente combinazione di acustica ed elettronica. Non sarebbe null’altro se non un lavoro interessante, se non fosse per la suddetta cover che non solo calza a pennello con il concept del cd, ma senz’altro lo nobilita. Ovviamente, lo ripeto, con l’originale beatlesiano non c’è confronto; ma – insisto – anche soltanto pensare a mischiare il ritornello con il mantra di A Love Supreme è geniale, e funziona benissimo: sembra fatto apposta. D’altronde anche il brano di Lennon è, musicalmente, quasi mistico.

Aggiunto: December 5th 2017
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Land Of Drum Bandcamp Page
Hits: 172
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest