Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


The seen ‘Archive : Volumes I - V : 2005 to 2009’

(confront recordings 2017)

Prima di affrontare la scrittura della recensione di questo lavoro ho titubato non poco. Il cofanetto di 5 cd corrispondenti ad altrettanti concerti si presenta come un’opera imponente. L’ascolto, poi, non è facile. Tutt’altro. Ho faticato a capire la ragione di questa impresa, coordinata da Mark Wastell, contrabbassista che ha riunito (in 4 locations londinesi e in un teatro norvegese) cinque diverse compagini di musicisti votati alla sperimentazione e all’improvvisazione collettiva. Forse ho trovato una chiave di lettura. Oltre che nell’improvvisazione, e in particolare nel confronto adattivo tra le sorgenti sonore e l’ambiente, il punto sta nel mostrare la genesi della musica dal suono. La lunga e assai variegata serie di rumori acustici ed elettronici, che ascoltiamo in ognuno dei cd – meglio esprimerli in forma verbale: sibilare, gracchiare, aspirare, sferragliare, tintinnare, stridere, battere, strusciare, sventagliare, soffiare, e via dicendo – esprime la lotta del rumore non tanto per (perché non direi che a manifestarsi sia un processo teleologico), ma prima di diventare musica. E in questo senso si può parlare di improvvisazione: musica come emergente ex improviso dal rumore. Ma appunto: è l’emergere, non ciò che emerge (la musica), a essere esibito in suoni. In un paio di occasioni la cosa mi è parsa lampante: un contrabbasso (presumibilmente quello di Wastell stesso) si destreggia a fatica tra i rumori dando l’impressione (a me che ascolto con l’intenzione, forse inconscia, di ascoltare musica) di cercare di dar forma a un suono. Non so se la cosa riesca o meno, così come non so se in generale questa registrazione funzioni o no. Non posso che confessare il mio dubbio. Altra cosa, sono costretto a ripetermi, sarebbe stata assistere ai concerti dal vivo, respirando l’intensità atmosferica della processualità generativa esibita in fieri. Ma qui è del cd che devo render conto. Quello che comprendo nell’ascolto è la riuscita della presentazione di uno sforzo, non la presentazione della riuscita di uno sforzo: ma proprio qui sta (probabilmente) il senso di questa proposta.

Aggiunto: November 18th 2017
Recensore: A. G. Bertinetto
Voto:
Link Correlati: Confront Recordings Home Page
Hits: 70
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest