Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mestrovic, Dedic, Toker ‘4 Seasons for 3 Pianos’

(Navona 2017)

Le Quattro Stagioni sono forse la composizione più famosa di Antonio Vivaldi, e per questo ne sono state nel tempo offerte svariate letture, che arrivano fino alla celebrata rivisitazione da parte del compositore post-minimalista Max Richter. L’operazione del pianista e compositore croato Matej Mestrovic è di genere diverso, quasi opposto: anziché lavorare sulla dilatazione delle felicissime ed evocative invenzioni tematiche e ritmiche del “Prete Rosso”, egli opera una condensazione/intensificazione delle cristalline pagine Vivaldiane, portandole su sentieri più tortuosi ma comunque, in qualche modo, fedeli allo spirito originario. Così, i già frenetici e galoppanti movimenti veloci diventano esuberanti e urbane rincorse, al ritmo sincopato del jazz – in questo, non siamo lontani da quanto proposto dal duo pianistico Bahrami-Rea nelle loro interpretazioni Bachiane, o alle scorribande improvvisative del pianista turco Fazil Say − reso ancor più scintillante, nelle fitte dinamiche contrappuntistiche, dall’interazione tra i tre pianoforti (insieme a Mestrovic, figurano Hakan Ali Toker e Matija Dedic, anch’essi versatili pianisti che spaziano dalla composizione all’improvvisazione). Laddove i movimenti lenti, dove Toker talvolta abbandona il pianoforte per imbracciare la fisarmonica, si connotano di venature nostalgiche e languide che richiamo colori e sensazioni della cultura musicale balcanica. Il risultato è una musica piena di energia, dinamismo ed emozionalità: una maniera inedita e convincente di dare nuova linfa a uno dei capolavori indiscussi della musica classica occidentale.

Aggiunto: October 24th 2017
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Navona Records Home Page
Hits: 269
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest