Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Many Others ‘Aggression of Paradox’

(Archivio Diafonico 2017)

Il batterista Francesco Gregoretti è un acceso agitatore della scena avant-improv partenopea, e il chitarrista destrutturatore Olivier Di Placido, seppur sveli una nazionalità transalpina, è da tempo assiduo frequentatore della Napoli più sotterranea e underground che vi sia al momento. Non è un caso quindi che questo progetto a due veda la luce su spartana tape per Archivio Diafonico, raccogliendo due lunghe improvvisazioni per lato, le cui coordinate portano dritte al cuore più harsh e radical di maestri del mestiere quali Kevin Drumm e Merzbow, mediante una verve estetica davvero personale, fatta di matasse sonore a forme di grovigli oscuri, che vanno a lacerare per intero l’ambiente circostante, allo scopo di esplodere senza alcuna fretta in un magma continuo di raggiante ruvidezza espressiva. Diciamo che i due non vanno per il sottile e non si fanno testimonial di una musica dalla facile presa: le loro sono emozioni forti che ti attorcigliano le budella, cagionando al contempo uno stato di ansia, prima, e di benamata pace, dopo, quando spetterà al nero silenzio (rin)chiudere per sempre nell’oblio la sediziosa tempesta appena passata. Dare uno sguardo alle diverse foto che documentano su web i live set dei Many Others conferma l’attrazione della coppia per la manipolazione totale della strumentazione acustica, offrendo al pubblico un set dove Di Placido domina una guitar-table manipolata che è a stretto contatto con l’impianto ritmico di Gregoretti. Tutto ovviamente avviene in autentico real time: improvvisazione, manipolazione, e distorta resa finale. Buon ascolto se ne avete il coraggio!!!

Aggiunto: September 26th 2017
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Francesco Gregoretti Home Page
Hits: 123
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest