Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Carpet Musics 'Weekday'

(Audio Dregs 2000)

I Carpet Musics sono quanto di meglio può capitarvi di ascoltare oggigiorno nel campo dell’ambient analogico-sintetica. Nato da ideologie contrastanti all’interno del duo di Portland circa metodi compositivi e fonti sonore da utilizzare, “Weekday” propone un raro equilibrio tra sospensione eterea digitale e incursioni di strumenti tradizionali usati in funzione sofficemente ritmica. I tappeti sonori creati dai due Eric (uno dei quali, Eric Mast, altri non è che il fondatore dell’etichetta Audio Dregs per il quale esce l’album in questione) ricordano a tratti i primi lavori di Eno, a tratti le sonorità più melliflue di casa Domino (Fridge e Four Tet in testa).
La parola d’ordine è: serenità, uno stato di torpore fluttuante e suadente al tempo stesso. Phone Lines distilla gocce elettroniche e micromelodie concentriche nelle quali cullarsi all’infinito; Air, come il titolo stesso suggerisce, è sostanza impalpabile sofficemente percorsa da brezze di frequenze disturbate, mentre la successiva Afternoon mostra l’inutilità di un’ossessiva dipendenza dal rimescolamento digitale ricreando atmosfere altrettanto coinvolgenti mediante loops di strumenti a corda. L’intero album è un’ininterrotta cascata di perle ambientali che si insinuano negli interstizi del quotidiano, negli oggetti comuni che ci circondano, nella semplicità di sensazioni perfette perché tenui e transitorie. “Weekday”, frutto di tre anni di rifinitura, è l’ulteriore riprova che, nonostante le odierne risorse tecnologiche a disposizione, a volte un semplice sintetizzatore analogico, un delicato, geniale arpeggio e qualche altro accorgimento sintetico sono gli strumenti migliori per chi ha la creatività e la capacità di sfruttarli ai massimi livelli (le poche note di tastiera, il contrappunto chitarristico, i ronzanti impercettibili drones della splendida Hotel sono illuminanti al riguardo).
Fate carte false per averlo.

Aggiunto: March 10th 2002
Recensore: Mauro Carassai
Voto:
Link Correlati: Audio Dregs Page
Hits: 1057
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest