Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Acid Ape 'Fleshspa'

Lunasound 2002/Audioglobe

Che la Svezia partorisca periodicamente ottimi prodotti musicali è un dato ormai risaputo. La scena garage ha dato in passato, e in parte anche attualmente, con una sorta di ciclico revival, ottimi prodotti che riescono a varcare i confini geografici e acquisire una fama e una considerazione internazionale.
Gli Acid Ape riconfermano la Svezia come ottima fucina di nuove generazioni di rockers ma lo fa con un sound che si discosta ampiamente dall’attitudine da teenage caveman.
Insomma niente stivaletti a punta o gilet merlettati ma un altrettanto anacronistico ritorno al passato, in particolare alla New York degli anni a cavallo tra la fine degli ottanta e i primi novanta.
Se fosse possibile andare a ritroso nel tempo gli Acid Ape avrebbero sicuramente assicurato un posticino in ormai storiche compilation come Dope, Guns And Fucking In The Streets (qualcuno se le ricorda?) magari accanto ai nomi di Surgery e Unsane. Dei primi gli Acid Ape riprendono il taglio drammaticamente blues, dei secondi quel senso di imminente perdita del controllo come se il tutto fosse sul punto di esplodere in mille schegge infiammate.
Vengono in mente vecchie glorie dell’ormai giurassico noise newyorkese che faceva capo alla benamata Amphetamine Reptile insieme a un non troppo velato richiamo ai gloriosi Black Flag (in alcuni momenti sembra di ascoltare l’irruenza vocale del buon vecchio Henry Rollings).
Importanti e un po’ gravose ascendenze stilistiche che quando gli Acid Aape tentano di stemperare con il loro modus operandi ottengono dei risultati che oscillano tra il nefasto (le atmosfere noir di Axle Grease li fanno sembrare dei Faith No More di seconda mano) e l’eccellente (il giro di basso avvolgente e lussurioso di X-leg, il riff assassino di Anorexia Nervosa e Spunk, la furia cieca di Swanky…).
Il loro è un noise rock granitico e roccioso, privo di intellettualismi o pretese rivoluzionarie, tanto datato e quanto piacevolmente appetibile per chi come me adora la Big Apple di quei tempi.

Aggiunto: April 17th 2003
Recensore: Andrea Palucci
Voto:
Link Correlati: acidapewebsite
Hits: 1252
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest