Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Michael Vlatkovich ‘Myrnofant’s Kiss’

(pfMENTUM 2016)

Mai sentito niente di Michael Vlatkovich prima di questo “Myrnofant’s Kiss”. Un’iniziazione che ci permette di conoscere un musicista e compositore attivissimo all’interno del giro avant-improv made in NYC e canadese; trombonista il cui timbro poco ortodosso fa echeggiare nell’aria la scuola di George Lewis e Leroy Jenkins, accostando ad essa soluzioni personali variegate e movimentate. Il quartetto qui composto dal bravissimo Jonathan Glove al violoncello elettrico, David Mott al sax baritono, dalla batteria di Christopher Garcia, e dal trombone del ns. non è la prima volta che suona insieme, sviscerando la sua particolare sintonia: “Alivebuquerque”, sempre su pfMENTUM, vedeva la medesima formazione all’opera. Non conosco il lavoro del 2009 ma posso affermare con convinzione, invece, che l’ascolto di “Myrnofant’s Kiss” scivola via piuttosto bene, destando interesse per la varietà di soluzioni che Vlatkovich propone di sperimentare ai suoi colleghi. Non è un caso che nella press info si sottolinei proprio l’intento di costruire per ogni brano del lavoro (8 in tutto) forme e architetture sonore sempre diverse, siano più ispide e free, o collettive e swinganti, o ancora dall’incedere progressivo. Vincono il premio delle migliori: i dialoghi di No Victims, Just Volunteers; l’anarchia free in Stop Scaring the Toddlers and… con un notevole drumming ai titoli di coda; An Illness with a Countdown, con un baritono mirabile e denso che muore sotto le serpentine guizzanti del ‘cello; la sbullonata marcia in crescendo Leave the Worrying to the Professionals. Godibile.

Aggiunto: April 18th 2017
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: pfMentum Records Home Page
Hits: 226
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest