Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Maximilian Hecker - 'Rose'

(Kitty-yo/Wide 2003)

Dopo il successo di "Infinite Love Songs", uscito a fine 2001, torna il tedesco Maximilian Hecker, autore che di tedesco ha ben poco. Il suo cantautorato romantico e melodrammatico sembra più inglese che altro, ricordando spesso gruppi pop britannici come i Coldplay. E non che questo sia un complimento, perché nel disco precedente Hecker aveva dimostrato di avere le sue buone intuizioni, di avere, insomma, i numeri per uscire dai semplici canoni pop-rock ed affermarsi come autore estroverso e sui generis. Invece rieccolo qui con undici canzoni d'amore piuttosto tradizionali. E' un disco, questo "Rose", che si può amare o si può odiare, a seconda dello stato d'animo. Innegabile è che le melodie e i suoni, con la produzione forse anche troppo perfetta affidata all'esperta mano di Gareth Jones, siano di ottima fattura, tanto che viene voglia di stringere la mano a Hecker e fargli i complimenti. Ma spesso il cantautore tedesco scivola nell'autocommiserazione stucchevole, nel piagnisteo, e così viene voglia di mandarlo a quel paese, questo ragazzone dal cuore così sensibile. Gioie e dolori si avvicendano spesso in un unico pezzo, come succede proprio nell'iniziale Kate Moss, aperta da un piano straziante, assoluto dominatore del disco, e da un'esilissima voce, ma che poi si apre in un interessante crescendo. Stesso schema, grosso modo, della successiva I Am Falling Now, mentre subito dopo arrivano That's What You Do e Fool, con Hecker che finalmente esce dal guscio per indovinare i momenti migliori del disco. Per aspettare qualche novità significativa nella scrittura dobbiamo aspettare l'elettronica di My Love For You Is Insane e l'intermezzo noise di My Friends, episodi che, pur discostandosi dal canone, non convincono affatto. L'esplosione finale di Rose chiude il tutto, dando finalmente verve a un disco che non avrebbe difettato di qualche invenzione e soprattutto di un po' di rabbia in più. Caro Maximilian, è ora di mettere a frutto il tuo talento.

Aggiunto: April 24th 2003
Recensore: Gabriele Di Fazio
Voto:
Link Correlati: Il sito della Kitty-yo
Hits: 2211
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest